Formazione Specifica: Salute e sicurezza sul lavoro - Modulo 03

Modulo 03 - Macchine e attrezzature

Definizione

Definizione di attrezzatura di lavoro

D.Lgs. 81/08: «qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto destinato ad essere usato durante il lavoro»

DPR 459/96 direttiva macchine oggi D.Lgs. 17/2010: «un insieme di pezzi o di organi di cui uno almeno mobile, collegati tra loro… connessi solidamente per un’applicazione ben determinata …»

D.Lgs. 17/2010 Direttiva macchine

I costruttori di macchine devono certificare per iscritto la rispondenza ai requisiti minimi di sicurezza e salute

Ogni macchina deve essere accompagnata:

  • DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’
  • MARCATURA CE
  • MANUALE DI ISTRUZIONE PER L’USO

Rischi utilizzo macchine/attrezzature

SCHIACCIAMENTO

Danno generato da due parti mobili o da una mobile e l’altra fissa in movimento reciproco di avvicinamento.

CESOIAMENTO

Danno generato da due parti mobili o da una mobile e l’altra fissa in movimento reciproco.

TAGLIO o SEZIONAMENTO

Danno generato da parti fisse o mobili con spigoli taglienti (p.e. lame, coltelli, ...).

AFFERRAMENTO

Rischio generato da elementi in movimento (p.e. alberi) aventi parti sporgenti o conformate in modo tale che indumenti o parti del corpo possano rimane impigliati (bordi sporgenti, viti, denti, ...).

TRASCINAMENTO o INTRAPPOLAMENTO

Rischio generato da due parti rotanti in direzioni opposte a contatto tra loro o a minima distanza o da una parte rotante ed una tangente fissa o in movimento poste a minima distanza.

URTO

Danno generato da una parte mobile che viene a contatto con il corpo o parti del corpo.

PERFORAZIONE e PUNTURA

Danno generato da parti fisse o mobili con estremità o punte acuminate.

ATTRITO o ABRASIONE

Danno generato da contatto con superficie in rapido movimento o con parte mobile con superficie abrasiva.

EIEZIONE DI FLUIDO AD ALTA PRESSIONE

Rischio di proiezione di fluido in pressione per rottura di tubazione, raccordi, recipienti, che può provocare danni alle persone….

RIBALTAMENTO o PERDITA DI STABILITA’

Rischio generato da una parte mobile o dall’intera macchina per mancanza intrinseca di stabilità o per avviamento rapido.

SCIVOLAMENTO, INCIAMPO o CADUTA

Rischio generato da parti (passerelle, scale, pavimenti,..) scivolose, irregolari o con parti sporgenti o dalla presenza di materiale di processo o dispositivi di trasporto non segnalata.

PROIEZIONE DI PARTI

Rischio generato da una parte mobile (elemento o parte o materiale di processo) che lascia il suo percorso definito o viene sbalzata fuori dalla macchina.

Esercizio: Associa il rischio alla corretta definizione

  • URTO
    Danno generato da una parte mobile che viene a contatto con il corpo o parti del corpo
  • PERFORAZIONE e PUNTURA
    Danno generato da parti fisse o mobili con estremità o punte acuminate
  • PROIEZIONE DI PARTI
    Rischio generato da una parte mobile (elemento o parte o materiale di processo) che lascia il suo percorso definito o viene sbalzata fuori dalla macchina.
  • CESOIAMENTO
    Danno generato da due parti mobili o da una mobile e l’altra fissa in movimento reciproco.

Cause di infortunio

CAUSE DI INFORTUNIO

  • uso di attrezzature prive di sistemi di sicurezza
  • mancato uso di dispositivi di protezione individuali
  • manomissione dei dispositivi di protezione
  • scarsa informazione e formazione sull’uso
  • disattenzione, fretta, o sottovalutazione del pericolo
  • scarsa manutenzione delle attrezzature
  • abbigliamento non idoneo
  • ambiente con presenza di pericoli

Misure di Prevenzione e Protezione

PROTEZIONI

Vediamo le protezioni delle attrezzature.

RIPARO FISSO

Deve essere mantenuto nella sua posizione di chiusura in modo permanente con elementi di fissaggio che richiedano l’uso di attrezzi per la sua rimozione.

Esempio di ripari fissi: carter, schermo, cuffia, coperchio…

RIPARO REGOLABILE

Deve essere regolato manualmente dall’operatore in base all’operazione da svolgere in modo da consentire il solo passaggio del materiale.

RIPARO MOBILE INTERBLOCCATO

Riparo mobile associato ad un micro interruttore in modo che: 

  • all’apertura si arresti la macchina 
  • non consenta la messa in moto della macchina, se il riparo è aperto 
  • la richiusura non provochi la messa in moto della macchina

COMANDO A DUE MANI

Comando ad azione mantenuta che richiede l’azionamento  simultaneo di due comandi manuali 

  • pulsanti a distanza di sicurezza 
  • al rilascio di un solo pulsante la macchina si ferma 
  • terminato il ciclo la macchina si arresta.

BARRIERE IMMATERIALI

Dispositivo fotoelettrico composto da un emettitore ottico e da un riflettitore  ricevitore; l’introduzione di parte del corpo o altro interrompe il fascio e arresta la macchina

Come migliorare la sicurezza degli operatori

  • Informare, formare e addestrare gli addetti

  • Ottimizzare le procedure di lavoro

  • Usare i DPI

Quale immagine rappresenta un riparo mobile interbloccato?

Scale

  • scala semplice: composta da due montanti e da pioli o gradini orizzontali

  • scala doppia: consiste nell’unione di due scale semplici incernierate tra loro alla sommità  e provviste di un robusto dispositivo di sicurezza contro l’apertura

I PRINCIPALI RISCHI

I principali rischi a cui è soggetto chi opera con la scala sono prevalentemente dovuti a cadute dall'alto in seguito a:

  •  ribaltamento della scala (laterale e frontale); 
  • slittamento dei montanti inferiori su appoggio sdrucciolevole; 
  • rottura dei montanti, dei pioli o dei gradini; 
  • disattenzioni durante le fasi di salita e discesa. 
Altro rischio che si presenta durante l'uso di questa attrezzatura è quello rivolto a terze persone per possibile caduta dall'alto di oggetti utilizzati da chi opera sulla scala


MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

VERIFICHE E CONTROLLI FARE PRIMA DELL'USO

  • dispositivi antisdrucciolo alle estremità inferiori dei montanti
  • i pioli o gradini delle scale in legno, siano privi di nodi e ben incastrati nei montanti
  • la scala nel suo insieme non risulti deformata
  • non vi siano segni di rotture o fratture, non presentino segni di fratture localizzate nelle saldature tra pioli e montanti e ossidazioni tali da comprometterne la resistenza


  • Personale: le scale dovranno essere usate esclusivamente da persone in perfette condizioni di salute e soprattutto non sofferenti di disturbi legati all'altezza.
  • Scale idonee all'uso: è importante che le scale a mano siano di dimensioni appropriate all'uso che se ne deve fare, verificando che non siano ne troppo lunghe ne troppo corte.
  • Posizionamento della scala: per prima cosa verificare il posizionamento della scala in modo che sia stabile. 
  •  Sorveglianza: il lavoro sulla scala, per la pericolosità nell'uso di questa attrezzatura, è comunque bene sia sorvegliato da terra

Come salire e scendere

sulle scale a mano si deve salire e scendere sempre con il viso rivolto verso la scala stessa; nel salire o scendere dalla scala si devono avere sempre tre arti appoggiati contemporaneamente sulla scala (regola dei tre appoggi); la scala deve essere utilizzata da una sola persona per volta, non solo per salire e scendere, ma anche quando si debbano eseguire lavori contemporanei a quote differenti; si deve scendere sempre dalla scala prima di effettuare qualsiasi spostamento laterale, anche nel caso si possa contare, per questa operazione, sull'aiuto di personale a terra; non si sale o scende dalla scala tenendo in mano utensili o altri materiali (gli utensili di piccole dimensioni dovranno essere agganciati alle cinture oppure riposti in una apposita borsa messa a tracolla per agevolare i movimenti, ma anche per evitarne la caduta).

Se vuoi approfondire l'argomento, puoi consultare la guida "Scale portatili - Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili – INAIL 2014"

434952

Taglierina

Molti piccoli infortuni che accadono negli uffici, durante le normali attività, sono da addebitare all’utilizzo scorretto o disattento di forbici, taglia carta, temperini od altri oggetti taglienti od appuntiti.

E’ da evitare l’abitudine di riporre oggetti appuntiti o taglienti senza protezione nelle tasche, in particolare anche gli abituali portamine e le matite lo sono; in caso di cadute o scivolamenti possono essere causa di ferite(richiedere in caso di fornitura portamine con punta retrattile e cutter con la lama a scomparsa).

Hai seguito tutta la lezione?

  • No

Fine modulo

FINE DEL MODULO 03

RICORDATI DI FARE IL TEST DEL MODULO