Assestment I 4.0

Impresa 4.0: Siamo pronti alla quarta rivoluzione industriale?

Questa la domanda che le imprese si pongono ora più che mai prima di abbracciare la trasformazione al paradigma 4.0.

Per rispondere a questa domanda vi è un percorso di verifica ed analisi della struttura e delle attività aziendali che consente di dare alle imprese consapevolezza sulla loro posizione rispetto al paradigma ed a tracciare la strada per il miglioramento. Il percorso prevede una Pre-valutazione autonoma  dell'impresa, un'Assessment Audit da parte di figure competenti ed un Audit eseguito da un esperto
esterno che si concentra su un’area dell’azienda nella quale la direzione intende investire.

Il seguente corso si inserisce in tale contesto. Il Corso di Formazione "Assestment 4.0" fornirà agli studenti gli strumenti necessari per effettuare il tirocinio in azienda, finalizzato  a fornire alle imprese elementi di valutazione (assessment) della maturità delle tecnologie di Industria 4.0, esaminando tutte le aree funzionali interessate (acquisti, logistica interna ed esterna, produzione, manutenzione, qualità, ricerca e sviluppo, progettazione, amministrazione finanza e controllo, marketing e vendite, risorse umane).

Il Processo di Audit

Introduzione

Perchè l'Audit

Nelle fasi due e tre del percorso a tre step previsto dal modello di valutazione sviluppato dal dipartimento di ingegneria Civile ed Industriale di Pisa (DICI) e dall'università di Siena, le aziende riceveranno una valutazione tramite una visita in azienda da parte diun professionista. Queste visite sono regolamentate dalla norma UNI EN ISO 19011 che descrive le linee guida per gli audit di sistemi di gestione ambientali, della qualità, della sicurezza delle informazioni. Risulta perciò necessario trattare gli argomenti principali della disciplina.

L'Audit e la Normativa

Il processo d Audit

In accordo con la normativa UNI EN ISO 19011 si definisce Audit: «Processo sistematico, indipendente e documentato per ottenere le evidenze dell’audit  e valutarle con obiettività, al fine di stabilire in quale misura i criteri dell’audit sono stati soddisfatti.» 

Il processo di Audit

L'auditor durante una verifica ispettiva ricerca  dell'audit per effettuare il confronto con  dell'audit ottenendo così  dell'audit

Figure Coinvolte

Le figure coinvolte in un Audit: Domanda

  • In caso di assenza temporanea (max 1 ora) dell'auditor l'osservatore può momentaneamente prendere il suo posto nell'intervista se ha assistito almeno ad 1 giornata di audit presso l'impresa sottoposta a verifica

Principi dell'Attività di Audit

Principi dell'Audit

Integrità: onestà, diligenza e responsabilitàPresentazione Imparziale: obbligo di elaborare rapporti veritieri e accuratiDovuta Professionalità: l'applicazione di diligenza e di giudizio nel corsoRiservatezza: Discrezione nell’utilizzo e nella protezione delle informazione acquisite durante l’AuditIndipendenza: Assicurarsi che gli auditor non siano coinvolti nelle attività sottoposte ad auditApproccio basato su evidenze: Metodo razionale per raggiungere conclusioni dell’audit affidabili e riproducibili secondo un processo di audit sistematico

Quali sono i principi dell'attività di audit?

  • Integrità, Riservatezza, Approccio basato su evidenze, Professionalità, Presentazione Imparziale, Indipendenza
  • Integrità, Riservatezza, Approccio basato su evidenze, Sincerità, Cordialità, Presentazione Imparziale, Indipendenza
  • Integrità, Riservatezza, Approccio basato su evidenze, Professionalità, Presentazione Imparziale, Dipendenza

Programma di Audit

AUDIT: Le tipologie

Generalmente l’attività di Audit non viene effettuato come attività Stand-Alone, ma fa parte di un  disegno più grande volto a verificare la conformità di più processi o di differenti sistemi di gestione. Oppure, più semplicemente, il singolo audit può essere parte di una serie di audit ripetuti sullo stesso oggetto di verifica.

Esistono perciò diverse tipologie di Audit:

Audit Prima Parte  Audit interni dell’azienda su se stessa Audit Seconda Parte  Audit effettuati del cliente su un proprio fornitoreAudit Terza Parte  Audit Effettuati da un ente di certificazione su un’organizzazione (per rilasciare certificazione) Audit Congiunto  Avviene quando due o più organismi di audit cooperano per sottoporre ad audit un’unica organizzazione oggetto dell’audit Project Audit  Audit effettuato su uno specifico progetto Follow-up Audit  Audit svolto per verificare l’attuazione delle azioni correttive Combined Audits  Avviene quando due o più i sistemi di gestione di differenti discipline (per esempio: qualità, ambiente, sicurezza) vengono sottoposti contemporaneamente ad audit

Quali delle seguenti elementi devono essere definiti nel programma di audit

  • Gli obiettivi del programma di audit
  • Compiti e competenze della persona che gestisce il programma di audit
  • Risorse coinvolte nel programma di audit
  • Tempo a disposizione dell'auditor per la visita in azienda
  • Numero massimo di persone da intervistare
  • Rischi del programma di audit
  • Procedure per lo svolgimento degli audit

Collegare ogni termine con il corrispettivo significato

  • Audit Terza Parte
    Audit Effettuati da un ente di certificazione su un’organizzazione
  • Audit Prima Parte
    Audit interni dell’azienda su se stessa
  • Audit di Seconda Parte
    Audit effettuati del cliente su un proprio fornitore

Caratteristiche dell'Auditor

Cosa caratterizza un buon Auditor?

La figura chiave per lo svolgimento del singolo audit è l’auditor, professionista certificato per svolgere questo tipo di attività e che guida la verifica ispettiva. Oltre ad una conoscenza dettagliata dell’oggetto di audit e dei criteri con i quali valutarne la conformità, l’auditor si caratterizza per una serie di attitudini personali che gli consentono di effettuare in modo efficace il suo lavoro.

Il comportamento personale dell'auditor

  • un buon auditor deve sapersi comportare in modo diverso in base all'interlocutore, in un'intervista con un responsabile di reparto non può però prendere una posizione con risolutezza relativamente ad una non conformità per una questione di livello gerarchico aziendale elevata dell'intervistato.

Assessment Audit: Il Questionario

Assessment Audit

Il secondo step del percorso di transizione al paradigma I 4.0 è l’Assessment Audit. Questo fornisce una fotografia dello stato attuale dell’azienda è misura la readiness dell’impresa rispetto a industria 4.0 basandosi su evidenze supportate da dati e documenti. Questo tipo di Audit, supportato da un puntuale questionario e da solide metriche di valutazione, è pensato per permettere anche ad auditor non esperti (studenti, o personale interno all’impresa) ma comunque aventi una conoscenza di base delle tecnologie 4.0 e delle loro funzionalità ,di misurare la prontezza dell’impresa al cambio di paradigma estrapolando i punti di forza ed i punti carenti su cui agire.

Il Questionario

Lo strumento utilizzato dagli auditor incaricati nello svolgimento dell’assessment è un questionario a risposta chiusa, le cui domande sono progettate per indagare gli aspetti chiave dell’impresa in ottica 4.0.

Il Questionario di Assessment indaga su due livelli fondamentali

  •  Livello organizzativo: corrispondente ai due quadranti “Struttura organizzativa” e “Cultura” del modello acatech
  •  Livello operativo: corrispondente ai due quadranti di acatech “Risorse” e “Sistemi Informativi” 

L’assessment avviene tramite una visita in azienda della durata di almeno 4 ore suddivisa in due parti: una prima parte tramite colloquio in ufficio con alcuni responsabili dell’azienda, possibilmente con il responsabile della qualità, che è la persona che meglio conosce i processi aziendali, e una seconda parte tramite visita nella parte operativa dell’azienda, ad esempio nello stabilimento produttivo, in modo che il consulente possa vedere con i suoi occhi la realtà che gli viene raccontata.

Descrizione della visita in azienda

La visita in azienda da parte  per l'assessment si suddivide in due parti. Nella prima parte viene viene effettuata una visita negli uffici  la seconda parte viene fatta nei reparti operativi  

Metriche di Assessment

Modello di valutazione

Basandosi sul modello Acatech le domande presenti nel questionario sono indirizzate a misurare la readiness dell’impresa sulla base degli 8 principi del suddetto modello, ed il suo posizionamento all’interno delle 4 aree strutturali: Risorse , Sistema Informativo , Struttura organizzativa e Cultura. 

Il posizionamento dell’elemento soggetto a valutazione nell’area strutturale corrispondente avviene nel seguente modo:

  • Nell’area Risorse attraverso una serie di domande simili ripetute per valutare gli asset presenti nell’azienda rispetto ai due parametri dell’area 
  • Nell’area Sistema Informativo attraverso una serie di domande simili ripetute per valutare le varie aree funzionali all’interno dell’azienda rispetto ai due parametri dell’area 
  • Nell’area Struttura Organizzativa attraverso domande che permettono di valutare gli elementi strutturali rilevanti per industria 4.0
  • Nell’area Cultura attraverso domande specifiche per ogni sotto-parametro individuato nello studio di acatech

Metriche di Assessment

Le metriche sono assegnate attraverso il seguente processo:

  1. Ordinamento crescente delle risposte ammissibili rispetto alla scala di sviluppo dell’Industria 4.0
  2. Assegnazione del punteggio minimo, 0 , alla prima opzione di risposta e del punteggio massimo, 1 all’ultima opzione di risposta
  3. Per le risposte intermedie (nell’intervanllo 0-1) viene data una valutazione numerica in base ad una scala di variabili discrete assunta lineare nella maggior parte dei casi, nel caso specifico viene invece indicata la scala di volta in volta.
  4. Classificazione delle domande rispetto agli 8 parametri dello studio di acatech in modo da segmentare le risposte e renderle leggibili ed interpretabile attraverso uno schema radar. Ogni rilevazione misura inoltre un solo aspetto di ogni singolo asset, rendendo omogenea la misura e non portando alla necessità di pesare le domande.
  5. Scelta della funzione attraverso cui vengono aggregati i risultati del questionario nel parametro corrispondente dell’area strutturale in esame (viene usata media dei valori ottenuti dalle risposte relative per gruppo di domande assegnate al parametro in esame)
  6. Conversione finale della scala di risposta da 0 a 1 nella scala a sei livelli dello studio Acatech in modo da permettere una presentazione coerente (nella forma) con il modello di riferimento.

L'assegnazione delle valutazioni del questionario...

  • E' in una scala, lineare per la maggior parte delle volte, nell'intervallo 0 - 1 estremi inclusi
  • E' composta da 2 livelli di valutazione in base alla risposta all'intervista 0 - 1

La struttura del questionario...

  • E' basata sui 6 parametri dello studio Acatech
  • Prevede una conversione del punteggio ottenuto nelle risposte nella scala dello studio acatech

Eccezione alle metriche

Eccezioni alla valutazione delle risposte

Vi sono alcuni casi eccezionali in cui la metrica per la valutazione delle risposte al questionario non segue la scala lineare descritta sopra

Eccezione 1: Domanda che prevede più risposte

In questo caso ognuna delle risposte è una casella di selezione di un’applicazione per un dato asset. In questo caso il peso di ogni risposta è 1/n con n il numero di alternative selezionabili ed il punteggio finale alla domanda è dato da m* 1/n con m il numero di applicazioni spuntate nel questionario per la suddetta domanda.

Eccezione 2: Scala non lineare nella valutazione dell’asset

In questo caso la scala può essere logaritmica o progettata sulla base della domanda specifica (ad esempio se le risposte si polarizzano sui 2 estremi e le alternative possibili corrispondono a punteggi molto vicini all’1 o molto vicini allo 0)

Eccezione 3: Domanda preliminare della sezione

Vi sono domande per cui se viene assegnato un punteggio di 1 in automatico tutte le altre risposte della sezione saranno inizializzate a quel valore. Se invece queste domande non ottengono punteggio pieno, alla fine della compilazione della sezione il risultato finale sarà la media tra il punteggio della seguente domanda e la media dei punteggi ottenuti dalle altre domande della sezione.

Eccezione 4: Domanda di Inizializzazione per un argomento

Sono domande a risposta Si/No che in una condizione aprono la strada ad altre domande (con una logica ad albero) nell’altra chiudono il percorso ad altre domande. Nel caso in cui la risposta sia Si viene assegnato un punteggio di 1 ed il calcolo finale sull’asset seguirà la media come di consueto, tale 1 potrà essere confermato o abbassato in base alla media delle risposte nei rami collegati alla domanda condizionale di partenza.

Eccezione 5: Valutazione del grado di importanza della domanda

Per rendere adattabile in questionario alle varie realtà aziendali alcune domande contengono in coda alle opzioni di risposta delle caselle selezionabili relative all’importanza della domanda per il caso specifico. Questa opzione serve a pesare la risposta alla domanda sulla base della sua effettiva rilevanza per l’impresa.

Eccezione 6: Metriche condizionate dalla risposta di altre domande

Questo permette una verifica in automatico della congruenza tra le risposte e l’adattamento della metrica al caso specifico.

Collegare le eccezioni della metrica alla relativa scelta progettuale del questionario

  • Eccezione 1: Domanda che prevede più risposte spuntabili
    Il peso di ogni risposta è 1/n con n il numero di alternative selezionabili ed il punteggio finale alla domanda è dato da m* 1/n con m il numero di applicazioni spuntate
  • Eccezione 2: Scala non lineare nella valutazione dell’asset
    la scala può essere logaritmica o progettata sulla base della domanda specifica
  • Eccezione 3: Domanda preliminare della sezione
    Se viene assegnato un punteggio di 1 in automatico tutte le altre risposte della sezione saranno inizializzate a 1, altrimenti il punteggio finale sarà la media tra il punteggio della seguente domanda e la media dei delle altre domande della sezione.
  • Eccezione 4: Domanda di Inizializzazione per un argomento
    Sono domande a risposta Si/No che in una condizione aprono o sbarrano la strada ad altre domande. Se la risposta sia Si viene assegnato un punteggio di 1, nel caso di risposta No verrà assegnato 0, entrambi valori variabili in base a verifica successiva.
  • Eccezione 5: Valutazione del grado di importanza della domanda
    Serve a pesare la risposta alla domanda sulla base della sua effettiva rilevanza per l’impresa analizzata
  • Eccezione 6: Metriche condizionate dalla risposta di altre domande
    Serve per effettuare una verifica in automatico della congruenza tra le risposte e l’adattamento della metrica al caso specifico.

Il Piano di Assessment

Introduzione

Il Piano di Assessment

Come ogni attività di Audit anche l’audit assessment necessita di un piano che ne regolamenti le operazioni da svolgere. 

Il piano di Assessment si articola in 3 diverse Fasi che corrispondono al Prima, Durante e Dopo la visita in azienda in forma di audit esterno tipo ISO 9001.

Le Fasi del Piano di Assessment

Il piano di Assessment Audit

  • Contatto iniziale con l'azienda
  • Compilazione del self-assessment da parte dell'azienda
  • Analisi del risultato del self-assessment
  • Secondo contatto con l'azienda
  • Analisi preliminare dell'azienda e del settore
  • Preparazione dei materiali necessari per eseguire l'assessment

Domanda con testo trascina e rilascia senza nome

  • Presentazione di Industria 4.0
  • Intervista in ufficio per gli aspetti Gestionali
  • Visita in azienda per gli aspetti operativi
  • Revisione materiale
  • Eventuali ulteriori domande
  • Conclusione della visita

Domanda con testo trascina e rilascia senza nome

  • Elaborazione del Report
  • Comunicazione del report all'azienda

Report dell'Assessment Audit

Introduzione

Al termine dell’assessment audit in azienda l’auditor incaricato deve redigere un report che verrà consegnato all’impresa sottoposta a verifica con lo scopo di fornire una valutazione analitica dei punti di forza e di debolezza riscontrati.

Impostazione del Report                                         Nella parte iniziale il report contiene una spiegazione della metodologia utilizzata per la valutazione e la descrizione del contesto in cui l’assessment è inserito. Il corpo del report è composto dalle rappresentazioni grafiche, su diagrammi radar, dei dati raccolti durante l’assessment e dei commenti effettuati dall’auditor a completamento dell’analisi.

Per ogni diagramma riportato nel report è richiesto che l'auditor scriva un commento descrittivo e complementare al grafico, basandosi su quanto ha osservato durante la sua verifica e rendendo dunque l'analisi completa e fruibile.

Analisi dell'orientamento dell'impresa

Valutazione dei livelli base

Il report innanzitutto deve riportare un’analisi complessiva dell’azienda letta secondo i due livelli fondamentali Organizzativo e Operativo.

Da questa prima valutazione molto aggregata è possibile avere una prima indicazione sull’orientamento dell’azienda: se più attenta alla parte organizzativa e gestionale o alla parte operativa e tecnologica

In questa prima fase del report l'auditor riporta l'analisi...

  • Dell'orientamento generale dell'impresa
  • Delle caratteristiche base per l'orientamento organizzativo e quello operativo
  • Del fisiologico dislivello tra la dimensione organizzativa e quella operativa

Analisi delle Aree Strutturali

Radar delle Aree Strutturali

Una volta fornita l’indicazione generale dell’impresa nelle 2 macroaree, il report mostra graficamente il posizionamento dell’impresa rispetto alle 4 aree strutturali individuate dallo studio Acatech.

Le 4 aree strutturali vengono riportate sui vertici di un diagramma Radar e vengono valutate su una scala crescente da 1 a 6.

Se il primo grafico a barre dava un’indicazione sull’orientamento dell’impresa, questo fornisce le prime indicazioni sui punti di forza e di debolezza dell’impresa nelle 4 macro-aree principali da analizzare quando si intende effettuare un investimento in tecnologie 4.0 (ovvero quelle riportate nel modello acatech).

L'analisi delle Aree strutturali...

  • Essendo più dettagliata rende trascurabile l'analisi dell'orientamento operativo o organizzativo dell'impresa
  • Riporta nel dettaglio la valutazione delle componenti nelle 4 aree dello studio Acatech
  • Aiuta a distinguere le aree dello studio Acatech in cui l'azienda è solida e quelle in cui è carente

Analisi rispetto i parametri Acatech

Dettaglio dell'impresa rispetto i parametri Acatech

Ogni area strutturale deve essere a sua volta suddivisa per poter analizzare nel dettaglio quali sono le componenti che rendono l’azienda pronta alla trasformazione in 4.0 e quali sono le carenze a cui porre rimedio.                                                                 La completezza delle domande poste nel questionario garantisce una scomposizione delle macro-aree in otto dimensioni ognuna rappresentata da un parametro. Per ognuno di questi parametri vi è un asse sul diagramma radar progettato per fotografare lo scenario AS-IS dell’impresa.

Con questo radar a 8 parametri la valutazione dell’azienda scende a un livello di dettaglio sempre maggiore: a questo punto è possibile stabilire quali aspetti dell’azienda presentano delle criticità e quali invece si rivelano più maturi. L’idea è quella di individuare gli assi critici, per poi scendere nel dettaglio e arrivare ad avere una valutazione di ogni asset presente in azienda. Per fare questo è possibile scendere ulteriormente nel dettaglio per indagare il motivo per cui un determinato parametro ha ottenuto una valutazione andando ad esaminare ogni tipologia di elemento valutato nel grafico.

Con questo tipo di analisi...

  • Si evidenziano eventuali errori nella valutazione dell'azienda rispetto le aree strutturali acatech
  • Si completa l'analisi rispetto agli asset specifici delle aree strutturali
  • E' possibile stabilire quali aspetti dell’azienda presentano delle criticità e quali invece si rivelano più maturi

Analisi di dettaglio delle Aree Strutturali

Radar di dettaglio delle macroaree

La sola valutazione dell’area strutturale vista in precedenza non dà però tutte le informazioni di dettaglio per l’analisi dell’azienda. Questa deve perciò essere ulteriormente scomposta nel dettaglio per analizzare ogni area strutturale rispetto ai suoi parametri caratteristici e alle 2 dimensioni di lettura.                                                       Nel modello di Assessment questo avviene attraverso un nuovo grafico radar per ognuna delle Aree Strutturali. Tale diagramma Radar contiene sugli assi le voci di dettaglio dell'area in questione. Per ognuno di questi diagrammi radar sono rappresentate 2 aree ognuna delle quali è la valutazione rispetto agli elementi di dettaglio di cui sopra, delle 2 dimensioni principali dell'area strutturale riportate nello studio Acatech.

Nell'esempio in figura è rappresentata l'analisi della macro area risorse rispetto alle sue due dimensioni fondamentali sulla base dei suoi elementi caratteristici.

Macro area Risorse

Parametri caratteristici:                                     Materiali                                                               Persone                                                                                Utensili                                                                                Macchinari                                                                          Movimentatori                                                                    Contenitori                                                                        

Dimensioni della Macroarea (Assi dello studio Acatech per la data area)  

  Capacità di digitalizzazione                                           Comunicazione interna                                                 

Macro area Sistemi Informativi

Parametri caratteristici:                                        Monitoraggio                                                             Acquisti                                                                                Vendite                                                                                Progettazione                                                                      Ricerca e sviluppo                                                            Manutenzione                                                                    Qualità                                                             Dimensioni della Macroarea (Assi dello studio Acatech per la data area)  

 Elaborazione delle informazioni                                  Integrazione  

Macro area Struttura Organizzativa

Parametri caratteristici:                                        Sistema di Gestione                                                       Gestione dei Dati                                                                Metodologie                                                                        Competenze       

Dimensioni della Macroarea (Assi dello studio Acatech per la data area)  

Organizzazione Interna Organica                               Collaborazione dinamica all'interno del Value -     - Network     

Macro area Cultura

Parametri caratteristici:                                       Agilità                                                                 Approccio data-driven                                                      Comunicazione                                                                       

Dimensioni della Macroarea (Assi dello studio Acatech per la data area)  

Propensione al cambiamento                             Collaborazione Sociale     

Grazie all’analisi dettagliata di tutti gli asset aziendali l’assessment costituisce un passo fondamentale per l’impresa che vuole cominciare ad approfondire la sua situazione e cercare uno specialista in grado di ideare un piano di sviluppo volto a migliorare la capacità dell’impresa di sfruttare al meglio le tecnologie di Industria 4.0.

L'ultimo step di analisi dell'assessment....

  • Serve perchè la sola valutazione dei parametri e dell'area strutturale non dà però tutte le informazioni di dettaglio per l’analisi dell’azienda, è necessario dunque analizzare i parametri caratteristici dell'area strutturale rispetto agli asset della stessa.
  • Racchiude in un'unico grafico gli elementi caratterizzanti dell'area strutturale e le due dimensioni corrispondenti dell'area riportati nel diagramma Acatech, ed è perciò uno step necessario al controllo incrociato con i precedenti.
  • E' da considerarsi l'unico grafico con elementi tangibili per scegliere se procedere con investimenti in Industria 4.0.

Collegamento del modello con lo studio Acatech

Collegamento del modello di assessment con lo studio acatech: Area strutturale Risorse

Collegamento del modello di assessment con lo studio acatech: Area strutturale Sistemi Informativi

Collegamento del modello di assessment con lo studio acatech: Area strutturale Cultura

Collegamento del modello di assessment con lo studio acatech: Area strutturale Struttura Organizzativa

Come commentare il report di Assessment

La redazione del report avviene in modo semi automatico in quanto alla fine della visita nel caso dell’assessment gli auditor dovranno compilare i questionari sulla piattaforma on-line che restituisce il report di valutazione, ma l'auditor dovrà completare e comunicare il report con osservazioni sulla situazione attuale dell’azienda rispetto a Industria 4.0. 

Per quanto riguarda il commento dell'analisi grafica è necessario:

  • Commentare il grafico delle macro-aree individuando quale risulta (in caso) carente;

  • Commentare il grafico delle aree strutturali individuando la migliore e la peggiore;

  • Commentare il grafico dei parametri concentrandosi sul valore dei parametri relativi all’area migliore e peggiore;

  • Spiegare degli elementi valutati come migliori e gli elementi peggiori attraverso l’analisi dei loro sottoparametri.


Test Finale

Ordinare le seguenti azioni da svolgere nel piano di assessment in ordine cronologico

  • Compilazione da parte dell'azienda del questionario di Self Assessment
  • Preparazione del materiale per effettuare l'assessment audit
  • Interviste per analizzare gli aspetti gestionale e organizzativo dell'azienda
  • Interviste per analizzare gli aspetti operativi dell'azienda
  • Condivisione del report di assessment con l'azienda

Dati i grafici mostrati sopra...

  • Vi è incoerenza un'incoerenza legata al parametro comunicazione strutturata
  • Vi è incoerenza legata al parametro capacità di digitalizzazione
  • Vi sono incoerenze legate a entrambi i parametri
  • Non vi è incoerenza

Dati i grafici riportati sopra...

Questi sono in contraddizione e non compatibili tra loro in seguito all'assessment audit su un azienda in quanto  

Quale dei seguenti diagrammi di analisi dell'area strutturale "Risorse" è più verosimile rispetto al grafico riportato sopra?

Quale dei seguenti commenti al grafico è coerente con il diagramma radar mostrato sopra?

  • la cultura risulta un’eccezione positiva, il punto forza dell’azienda, dovuto alla forte personalità ed attenzione ai rapporti umani del proprietario. Le restanti aree sono tutte poco sviluppate rispetto a Industria 4.0.
  • la cultura risulta un’eccezione positiva, il punto forza dell’azienda, dovuto alla forte pressione del proprietario il quale pretende solo gente altamente qualificata. Le restanti aree sono tutte poco sviluppate rispetto a Industria 4.0.
  • la cultura risulta un’eccezione positiva, il punto forza dell’azienda, dovuto alla forte personalità ed attenzione ai rapporti umani del proprietario. L'elevata valutazione della cultura è inoltre compatibile con il ridotto livello di "struttura organizzativa" in quanto essendo entrambe appartenenti alla macro area organizzativa devono bilanciarsi.

Sulla base delle informazioni di contesto sintetizzate sopra ed estrapolate da un'ipotetico audit, completare il commento di analisi del grafico in figura

Contesto:

  1. Azienda poco digitalizzata 
  2. Forte attenzione del proprietario ai rapporti umani ed all'innovazione
  3. Senso di appartenenza dei dipendenti all'azienda dovuta anche al clima familiare legato alle ridotte dimensioni aziendale

Si evidenzia come vi sia un dislivello tra  mostrando grandi carenze nell'area  che dal grafico risulta essere la più debole.

Sulla base delle informazioni di contesto sintetizzate sopra ed estrapolate da un'ipotetico audit, completare il commento di analisi del grafico in figura

Contesto:

  1. Azienda poco digitalizzata 
  2. Forte attenzione del proprietario ai rapporti umani ed all'innovazione
  3. Senso di appartenenza dei dipendenti all'azienda dovuta anche al clima familiare legato alle ridotte dimensioni aziendale
  4. Propensione del proprietario nel fare rete

Il grafico mostra come l'azienda abbia il suo punto di forza nell'area ,  questo è legato ad una costante cura del proprietario nei confronti delle risorse umane interne all'azienda e dei rapporti con soggetti esterni all'impresa. Questo rappresenta per intraprendere un percorso di crescita verso I 4.0.  In tutte le altre aree risulta carente sopratutto nell'area . Questa analisi spiega più nel dettaglio il dislivello , Analizzando più nel dettaglio il punteggio delle aree strutturali corrispondenti.

Sulla base delle informazioni di contesto sintetizzate sopra ed estrapolate da un'ipotetico audit, completare il commento di analisi del grafico in figura

Contesto:

  1. Azienda poco digitalizzata 
  2. Forte attenzione del proprietario ai rapporti umani ed all'innovazione
  3. Senso di appartenenza dei dipendenti all'azienda dovuta anche al clima familiare legato alle ridotte dimensioni aziendale
  4. Proprietario attivo nel fare rete e motivato ad innovare

L'analisi dei parametri conferma il punto di forza dell'azienda legato alla  mostrando nel dettaglio i punteggi di ognuno dei suoi parametri. L'analisi dei parametri evidenzia grosse carenze e dunque punti estremamente deboli per i parametri  entrambe hanno infatti ottenuto il punteggio minimo e dunque  

Sulla base delle informazioni di contesto sintetizzate sopra ed estrapolate da un'ipotetico audit, completare il commento di analisi del grafico in figura.

Contesto:

  1. Azienda poco digitalizzata 
  2. Forte attenzione del proprietario ai rapporti umani ed all'innovazione
  3. Senso di appartenenza dei dipendenti all'azienda dovuta anche al clima familiare legato alle ridotte dimensioni aziendale
  4. Proprietario attivo nel fare rete e motivato ad innovare

Dall'analisi più dettagliata dell'area strutturale Risorse si evidenzia come il punto più critico sia il parametro  essendo il peggiore tra i due. Si osserva un primo tentativo dell'azienda nel migliorare tale parametro avendo fatto un iniziale investimento nell'elemento caratteristico  essendo l'elemento con  come mostrato nel diagramma radar mostrato sopra.

Tutte le altre voci risultano  dato il loro punteggio molto basso.